Striscioni contro l’accorpamento Lucca-Pisa

LUCCA - Iniziativa della sezione lucchese di Casa Pound contro l'accorpamento della provincia di Lucca con quella di Pisa. Attaccati due striscioni: uno sul Lungarno a Pisa, l'altro sul viale Catalani a Lucca.

-

“Rossi & Filippeschi, giù le mani da Lucca”, questo il testo dello striscione che la sezione lucchese di CasaPound Italia ha attaccato stamani sui lungarni pisani, sul tema del possibile accorpamento fra i due capoluoghi.
Un altro striscione sullo stesso argomento è stato attaccato a Lucca, in Via Catalani.
“Pisa doveva accorparsi con Livorno e perdere il capoluogo – si legge in una nota – invece Rossi e Filippeschi si sono inventati un’area vasta pisana, per trasformare Pisa addirittura nell’ago della bilancia di un terzo della Toscana. Dalle stalle alle stelle. Eravamo favorevoli all’abolizione delle Province in toto – continua la nota – ma non ad un accorpamento pretestuoso di Lucca a Pisa e Livorno, che non trova giustificazione né nella legge, né nella storia e nell’economia delle due città. A questo punto Lucca deve legarsi a Massa-Carrara, e sarà la sola Livorno a doversi difendere dalla volontà potestativa di Rossi. Non si tratta di mero campanilismo – termina la nota – ma il grido di libertà che la pantera lucchese ha da sempre gridato contro ingiuste ingerenze. Un grido che il Sindaco di Lucca Tambellini con i suoi tentennamenti ha fatto diventare poco più di un alito, ma che nei cittadini esiste ancora”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.