Chiari chiede il giudizio immediato

LUCCA - "Processatemi subito". Lo chiede l’ex assessore al Comune di Lucca Marco Chiari, indagato per corruzione nell’ambito dell’inchiesta sulle ex officine della Latta.

-

Tramite il suo legale, Chiari, ha chiesto il giudizio immediato, con rinuncia all’udienza preliminare. “Basta con il massacro mediatico giornaliero – ha scritto Chiari in una lettera – mi è stato messo un marchio addosso come le bestie al macello”. Voglio dare subito l’opportunità a chi mi accusa di dimostrare ciò che non riuscirà mai a dimostrare – ha concluso Chiari – cioè che sono un corrotto”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.