Il piccolo miracolo delle coop sociali

LUCCA - Alleviare il problema delle disoccupazione e difendere lo spirito della solidarietà. Questi gli obiettivi delle cooperative sociali, protagoniste della nuova puntata di Mayday, in onda su NoiTv.

-

Nella nuova puntata di Mayday, viaggio fuori dalla povertà, la trasmissione realizzata da Noitv in colaborazione con Caritas e Fondazione Banca del Monte, sono stati presentati due esempi di cooperative di questo tipo. Ospiti in studio di Sergio Talenti, Brunella Grandi, della cooperativa Calafata e Cristina Gialdini, della coop Belle di Niente.
La cooperativa Calafata coltiva alcuni terreni a San Concordio di Moriano che altrimenti sarebbero stati abbandonati. Si producono olio, vino e miele e dall’anno prossimo ortaggi e verdura.
La coop Belle di Niente ha invece laboratorio e negozio in centro storico a Lucca e realizza oggetti artigianali partendo da materiali di riciclo. Da stoffa e plastica, altimenti inutilizzabili, nascono quindi oggetti di bigiotteria, abbigliamento e piccolo arredamento.
Due iniziative che danno speranza di reddito e fanno imparare un lavoro alle persone che vi partecipano.
Nella seconda parte della trasmissione, Donatella Turri, direttrice della Caritas lucchese e Lorenza Sensini, responsabile dei Centri di ascolto, hanno parlato delle iniziative di servizio civile e del progetto l’Asola e il bottone, iniziativa contro la povertà al quartiere Varignano a Viareggio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento