Le sette fatiche della Lucchese

CALCIO D - Tante sono le partite che attendono i rossoneri fino alla lunga sosta natalizia, compreso il recupero di Riccione. Innocenti, che prepara la trasferta di Pavullo, chiede ai suoi uno sprint per riprendersi il primato.

-

14_11_12__lucchese.jpg

Un terzo o poco meno di campionato per la serie D. Uno spicchio stagionale che ha emesso un primo verdetto: ovvero non c’e’ una squadra regina in grado, almeno finora, di prendere il largo e farla da padrona. Ad un certo punto fino a qualche settimana fa si pensava che quella squadra fosse la Lucchese ma poi con soli due punti in carniere nelle ultime tre giornate anche il tentativo di fuga dei rossoneri e’ rientrato. Ma anche le altre non volano e quindi la classifica denota un equilibrio che potremmo definire sovrano. Nel breve spazio di cinque punti ci sono infatti ben 10 squadre: dai 22 punti del terzetto di testa fino ai 17 Fortis Juve e Fidenza. A far da cuscinetto il trenino della Lucchese che pero’ ricordiamo ha una partita in meno: quella col Riccione non disputata domenica scorsa a causa del maltempo. Nella consueta conferenza stampa del martedi’, e all’inizio della settimana che portera’ alla trasferta di Pavullo nel Frignano, mister Innocenti e’ stato chiaro: la Lucchese deve cambiare ritmo e cercare di tornare in vetta da qui alla sosta natalazia. Vediamo il calednario che attende i rossoneri con sette partite in poco piu’ di un mese. Domenica prossima trasferta a Pavullo nel Frignano cui seguira’ probabilmente il recupero con il Riccione. Domenica 25 al Porta Elisa arrivera’ il sorprendente Tuttocuoio mentre dicembre si aprira’ con il bigmatch di Pistoia. Il 9 la Lucchese tornera’ in casa contro il Castelfranco, a seguire il derby di Camaiore ed infine ancora il 22 dicembre l’Atletico Pro Piacenza in casa. Chiaro che l’obiettivo e’ di fare piu’ punti possiibli ma tenere la media di vincere in casa e magari un’altra vittoria nelle trasferte che attendono Aliboni e compagni significherebbe portare a casa quei 17 punti che farebbero girare a quota 36. Sufficienti per il titolo di campione d’inverno ? Chissa’, al campo l’ardua sentenza…

Lascia per primo un commento

Lascia un commento