Rinnovabili e mercato unico contro la crisi

VIAREGGIO - Floricoltori ed esperti della Cia si sono confrontati a Palazzo delle Muse in un convegno dedicato alla crisi del settore e alle possibili soluzioni.

-

La crisi del settore floricolo della provincia di Lucca sta tutto in questo numero: negli ultimi tre anni 1 azienda su 5 ha dovuto chiudere i battenti. Le difficoltà, insomma, sono notevoli, ma le motivazioni per resistere sono più forti di tutto. Nasce da qui il convegno organizzato a Viareggio dalla Cia, la Confederazione Agricoltori. Alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Gianni Salvadori, floricoltori ed esperti della Cia si sono confrontati sulle possibili soluzioni di un settore che negli ultimi è stato troppo trascurato dalle istituzioni.
Fra i problemi principali c’è senza dubbio l’aumento dei costi, del costo del gasolio per riscaldare le serre innanzitutto, cresciuto del 56% negli ultimi due anni. Ecco perchè molte aziende hanno già rivolto la loro attenzione alle energie rinnovabili. Il futuro si chiama cippato di legno. Grazie a questi impianti a biomasse è possibile abbattere in maniera considerevole i costi e attraverso i titoli di efficienza energetica si può recuperare anche il 100% dell’investimento sostenuto.
E poi i mercati di Viareggio e Pescia, entrambi alle prese con vecchi problemi. L’unico futuro possibile è la gestione unitaria delle due realtà.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento