Ritorno a Pavullo nel Frignano

CALCIO D - Lucchese di scena domenica al “Minelli” dove alla prima di campionato batte’ 2-1 il Formigine. Contro la Pavullese mister Innocenti ancora non ha sciolto il dubbio legato al modulo tattico: 4-4-2 oppure 4-3-3.

-

17_11_12__lucchese.jpg

Ripartite per un tour de force che promette tante battaglie piu’ o meno insidiose da qui al 22 dicembre, ovvero alla lunga sosta natalizia. Il campionato di serie D propone la dodicesima giornata di andata con match davvero interessati. La Lucchese si prepara alla trasferta di Pavullo nel Frignano sul campo di una Pavullese affamata di punti-salvezza. Ma e’ chiaro che anche i rossoneri di Duccio Innocenti vogliono riprendere la marcia al vertice dopo la sosta forzata di domenica scorsa. In tal senso per Aliboni e compagni si apre una settimana piena visto che mercoledi’ ci sara’ il recupero con il Riccione e poi domenica 25 sempre al Porta Elisa calera’ il forte Tuttocuoio dell’ex-Granito. Insomma gli impegni non mancano anche se la Lucchese si concentra su quello in terra modenese. Innocenti non svela le sue intenzioni e cosi’ dal 4-3-3 al 4-4-2 il passo non e’ poi cosi lungo. Le certezze sembrano riguardare l’impiego di Barretta al posto dello squalificato De Vita e il varo dell’attesissimo tandem dei sogni Brega-Canalini. Ecco pertanto il probabile undici di partenza: Casapieri in porta; Barretta, Espeche, Carli, Angeli in difesa; Gatto, Aliboni, Conti e Lima in mediana; Brega e Canalini in attacco. Naturalmente con il 4-3-3 dentro Redomi e fuori Lima peraltro al rientro dopo l’infortunio. E’ la sesta trasferta stagionale per la Lucchese il cui tabellino recita tre vittorie, un pareggio ed una sconfitta, quella di Massa. Ritorno a Pavullo nel Frignano per i rossoneri che su quel campo giocarono e vinsero contro il Formigine alla prima di campionato. Era il 2 settembre, e dopo un match piuttosto complicato, che sembrava ormai inchiodato sull’1 a 1, fu proprio capitan Aliboni a trovare il guizzo vincente con una botta di controbalzo dal limite. Ripendere da li’ non sarebbe affatto male.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento