Le Mura vuole agganciare Schio

BASKET A1 DONNE - La gara interna di domenica (ore 18) con Orvieto della ex-Hampton e la trasferta di mercoledi’ a Taranto possono consentire alle biancorosse di affiancare le vicentine al vertice. Venerdi' sera festa natalizia.

-

15_12_12__le_mura_basket.jpg

La Gesam Gas Le Mura si congeda dal Palatagliate, almeno per quanto riguarda il 2012, ospitando l’Azzurra Orvieto. Gara indubbiamente di notevole importanza per la squadra di coach Mirko Diamanti che poi chiudera’ l’anno solare ed il girone di andata mercoledi’ prossimo al palaMazzola di Taranto. Due partite da vincere per l’aggancio matematico al vertice ed allo Schio che ha gia’ anticipato la gara con Priolo. Inoltre battere le umbre avrebbe anche il sapore della qualificazione anticipata alla final four di Coppa Italia. Finora le biancorosse sono state micidiali in casa superando nell’ordine Cagliari, Umbertide e Atletico Romagna. Nonostante si presenti nella veste di matricola, Orvieto sta dimostrando di costituire un complesso di tutto rispetto. Le azzurre orvietane vantano nelle proprie fila la grande ex-Shamela Hampton che tanti bei ricordi ha lasciato nei due anni trascorsi a Lucca. Ma le ospiti dispongono tra i loro punti di forza anche dell’altra americana Sutherland e della play spagnola Infante. Ovvio, pero’, che sulla carta Le Mura e’ favorita anche se dovra’ giocare con assoluta attenzione e concentrazione nell’arco dei 40 minuti. Chiaro che le biancorosse puntano al bersaglio grosso e vogliono congedarsi dal loro pubblico nel migliore dei modi. L’ultimo precedente tra le due squadre risale a due anni e mezzo fa: al maggio del 2010 nella semifinale playoff di A2. Lucca la spunto’ sulle umbre e poi ando’ ad affrontare Cagliari con successo per la promozione in A1. Da li’ ebbe inizio la scalata fantastica di una squadra che forse non ha ancora finito di stupire. Intanto venerdi’ sera societa’, atlete e tecnici si sono ritrovati per la tradizionale festa natalizia. Subito dopo la gara di Taranto ci sara’ infatti il rompete le righe.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento