Lucchese: il bilancio 2012 è ok

CALCIO - La Lucchese chiude l’annata con un bel colpo di coda grazie a una vittoria, quella sul Pro Piacenza, che lascia ben sperare per il futuro. Ma per capire dove si può andare è bene non dimenticare da dove si viene...

-

28_12_12__lucchese1.jpg

La societa’ aspetta rinforzi che non arrivano ma il presidente Giannecchini sa come far quadrare i conti e nonostante qualche ritardo da parte degli sponsor, i pagamenti sono regolari.
Intanto i tifosi non hanno dimenticato la splendida cavalcata nel campionato di eccellenza della scorsa stagione, iniziata con la vittoria di Porcari e culminata con il successo di Quarrata dove un certo Francesco Fedato (oggi titolare a Bari in serie B) trascino’ i rossoneri alla vittoria del campionato. E pensando a quella stagione non si possono non ricordare protagonisti del calibro dell’allenatore Giacomo Lazzini e del bomber Alberto Francesconi che oggi non sono in campo. In mezzo, a fare ponte fra il vecchio e il nuovo, il vulcanico Bruno Russo, che dopo aver cacciato Bruni ha scelto la coppia Innocenti-Di Stefano per la panchina riuscendo anche a centrare un super-acquisto come quello di Brega che segna tutte le domeniche e meriterebbe anche lui ben altri palcoscenici.
La Lucchese 2012-13 avra’ bisogno pero’ di un grande 2013 perche’ sul finire del 2012 ha avuto risultati troppo alatlenanti per meritarsi lo stesso giudizio di quella della passata gestione. Grazie ai numerosi innesti in corsa (vedi Canalini, Conti, Chiarabini, Rossi e Pettroni) oggi la squadra e’ piu’ competitiva e con un intero girone di ritono da affrontare ci sara’ tempo per togliersi altre soddisfazioni.
La squadra intanto si allena a ritmi serrati. Anche oggi sui campi dell’impianto Acquedotto, mister Innocenti ha fatto disputare una amichevole con la Juniores di Alberto Francesconi. Una buona sgambata condita anche da belle azioni. La Lucchese tornera’ in campo domenica 6 gennaio quando per la prima del girone di ritorno al Porta Elisa arrivera’ il Formigine.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento