Club UNESCO riuniti a Lucca

ROMA - Presentato a Roma il ricco cartellone di eventi in programma dall’8 al 13 marzo, quando Lucca ospiterà il Consiglio della Federazione mondiale dei Club UNESCO e presenterà la sua candidatura a "città della musica".

-

unesco.jpg

Dall’8 al 13 marzo Lucca ospiterà 250 delegati del consiglio della Federazione mondiale dei Club UNESCO per l’istituzione della giornata mondiale dell’etica. Il vertice sarà anche l’occasione per presentare la candidatura di Lucca come “città creativa della musica” UNESCO, il cui dossier è al vaglio del consiglio direttivo di Parigi che si esprimerà in merito tra settembre e ottobre prossimi.
Il programma completo degli eventi è stato presentato a Roma presso la ex chiesa di Santa Marta alla presenza del Sindaco Tambellini, dell’assessore Patrizia Favati, del rappresentante del Ministero dei beni culturali Gianni Bonazzi, della presidente dei Club UNESCO italiani Maria Luisa Stringa e del presidente del neonato club lucchese Giorgio Tori. A condurre l’incontro, alla presenza anche di Katia Ricciarelli, il giornalista americano ma lucchese d’adozione Alan Friedman. Forte dei natali di compositori come Puccini, Boccherini, Catalani e Gemignani, Lucca è l’unica città italiana a presentare la candidatura al prestigioso riconoscimento, che segue quello conferito all’archivio storico diocesano divenuto patrimonio dell’umanità nel settembre dello scorso anno.
I cinque giorni saranno caratterizzati da incontri istituzionali che toccheranno anche Firenze, dove lunedì 11 verrà proposta ufficialmente l’istituzione della giornata mondiale UNESCO per l’etica. A fare da cornice agli incontri i concerti che ogni sera proporranno musiche di Puccini e Gemignani e che verranno rappresentati al teatro del Giglio e all’auditorium di San Romano.
Ospiti d’eccezione della manifestazione saranno Andrea Bocelli, Carla Fracci e Katia Ricciarelli che si esibirà domenica 10 al Teatro del Giglio su arie pucciniane e che ha espressamente richiesto di essere accompagnata dagli allievi del Boccherini.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento