Facevano prostituire la figlia minore, arrestati

SERAVEZZA - Per più di un anno hanno fatto prostituire la propria figlia, una ragazza minore, offrendo e organizzando le presetazioni sessuali. I carabinieri di Viareggio e Querceta hanno arrestato una coppia di romeni.

-

20_02_forte_marmi.jpg

I due e il loro aiutante sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di sfruttamento della prostituzione minorile dopo aver ricostruito la terribile vicenda verificatasi dal novembre del 2011 fino allo scorso dicembre nei pressi della stazione di Querceta, dove i tre vivevano all’interno di un accampamento rom.
Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, attraverso intercettazioni telefoniche e testimonianze, la coppia di coniugi (35 anni lui, 24 lei) organizzava e gestiva la prostituzione della figlia adottiva, una ragazza minore anch’essa di etnia rom. Nella maggior parte dei casi i clienti erano uomini anziani, tra i 70 e i 90 anni, con cui i genitori della ragazza realizzavano direttamente la trattativa; mentre il terzo soggetto, un 32enne, si occupava di accompagnare e sorvegliare la giovane nel corso degli appuntamenti. I tre sono stati portati in carcere su ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Firenze.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento