Rapinatore incastrato dalle impronte digitali

VIAREGGIO - Lo scorso 7 gennaio fu uno dei protagonisti della clamorosa rapina alla filiale del Monte dei Paschi a Bicchio. Ma dopo poco più di un mese di indagini è stato individuato e arrestato dai carabinieri.

-

cartellino-con-le-impront_h_partb.jpg

L’uomo, 37 anni, C.A. le iniziali, residente al Varignano, era un insospettabile, incensurato. Sicuro di farla franca. Quel giorno però ha fatto l’errore di agire a volto scoperto, mentre il suo complice si era reso irriconoscibile con un passamontagna. Erano entrati in banca armati di trincetto e sotto la minaccia delle armi di erano fatti consegnare ben 60mila euro.
Poi, prima di fuggire, avevano chiuso clienti ed impiegati in bagno.
Un carabiniere del radiomobile, visionando le immagini riprese dalla videosorveglianza, ha però riconosciuto il suo volto. Al sospettato sono state quindi prese le impronte digitali, che sono state confrontate con quelle lasciate dal rapinatore sul bancone della filiale bancaria.
Il Ris di Roma ha confermato la perfetta coincidenza delle impronte e per il 37enne si sono aperte le porte del San Giorgio. Grazie al suo arresto adesso i carabinieri sono sulle tracce dell’altro rapinatore, un pregiudicato della zona.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento