Un tavolo nazionale per la Kme

FIRENZE - Il presidente della Commissione Emergenza occupazione del Consiglio regionale, Paolo Marini, ha annunciato che solleciterà l’apertura di un tavolo nazionale presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

-

18_04_kme.jpg

“La Toscana e la Garfagnana in particolare non possono permettersi una crisi delle proporzioni di quella che si è aperta alla Kme di Fornaci di Barga. È urgente una risposta forte delle istituzioni e, per questo, la commissione Emergenza occupazionale del Consiglio regionale si adopererà per sollecitare l’apertura di un tavolo nazionale presso il ministero dello Sviluppo economico”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione regionale, Paolo Marini (Fds), a margine dell’incontro con le Rsu dello stabilimento Kme di Fornaci di Barga, dove la proprietà ha annunciato 142 esuberi (102 operai e 40 impiegati) e la volontà di chiudere uno dei forni fusori. Lo stabilimento di Fornaci di Barga, dove ha sede il Centro ricerche e sviluppo per l’Italia, produce laminati industriali e per l’edilizia e cavi d’isolamento minerali. “Con le Rsu”, ha aggiunto Marini, “abbiamo condiviso i punti fermi della vertenza: la necessità di mantenere aperto il forno fusorio, la necessità di scongiurare conseguenze per i livelli occupazionali e la disponibilità a trattrare per giungere ad un accordo che soddisfi entrambe le parti”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento