Fermato per tentato omicidio

PIETRASANTA - E' stato fermato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio l'uomo di 49 anni, Tiziano Gabrielli, che sabato sera ha ferito con tre coltellate un vicino di casa al termine di una lite.

-

Ci sarebbero discussioni e diverbi per problemi condominiali che avvenivano da tempo alla base della violenta lite che è scoppiata nel tardo pomeriggio di sabato in via Mazzini, conosciuta come via di Mezzo.
Tiziano Gabrielli si trova nel carcere di San Giorgio a Lucca con l’accusa di tentato omicidio dopo che ha ferito con un coltello a serramanico della lunghezza di 13 centimetri un uomo di 39 anni, E. V. le iniziali, ora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di chirurgia dell’ospedale Versilia.
Fra i due, da tempo, ci sarebbero state discussioni per problemi legati a disturbi e incomprensioni condominiali. Ieri pomeriggio la discussione è degenerata ed è finita in strada dove il Gabrielli ha sferrato tre coltellate al torace e sotto le costole al rivale.
Alcuni testimoni che si trovavano a passare in strada hanno cercato di dividere i due, ma non ce l’hanno fatta. Sul posto è intervenuta per prima una pattuglia della polizia municipale, ma il Gabrielli è fuggito gettando a terra il coltello, che poi più tardi è stato trovato dai carabinieri della stazione di Pietrasanta e dei colleghi del nucleo operativo.
Con un’ambulanza del 118 nel frattempo il ferito è stato trasferito in codice rosso all’ospedale Versilia. Non è da escludere che l’uomo possa essere operato e rischia di perdere un rene.
L’aggressore aveva trovato rifugio a Viareggio da conoscenti, dove l’hanno trovato i carabinieri, che dopo averlo interrogato l’hanno trasferito nel carcere di San Giorgio di Lucca con l’accusa di tentato omicidio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento