Capannori, si dimette l’assessore Leana Quilici

CAPANNORI - L'assessore Leana Quilici ha rassegnato le dimissioni dalla giunta municipale, illustrando in un comunicato le ragioni del suo gesto.

-

quilici-leana09.jpg

Alla fine lo scossone per la giunta municipale di Capannori è arrivato. L’assessore Leana Quilici, del gruppo Sinistra per Capannori, ha rassegnato le dimissioni, in polemica con l’amministrazione Del Ghingaro. Quilici ha accusato la giunta municipale di non confrontarsi con le forze di maggioranza per definire le linee di governo e di non aver supportato a sufficienza le associazioni di volontariato. L’ormai ex assessore ha criticato anche la riorganizzazione del personale operata a dicembre, che sta provocando disfunzioni nell’erogazione dei servizi.
Del Ghingaro almeno apparentemente non si è scomposto. Non ha commentato ed ha semplicemente annunciato la redistribuzione delle deleghe di Leana Quilici. La cultura va a Lara Pizza, l’edilizia scolastica a Claudio Ghilardi, l’educazione alla pace ad Alessio Ciacci, che quindi rimane in giunta. Infine le pari opportunità vanno alla consigliera Silvia Amadei.
Un bello scossone i gruppi di sinistra lo avevano già dato giovedì alla giunta di Camaiore, dalla quale si era dimessa Veronica Cortopassi, assessore alla cultura e allo sport, in quota a Sinistra Ecologia e Libertà, che aveva accusato la giunta di non aver mantenuto le promesse di rinnovamento.
“E’ stata una scelta inaspettata – ha replicato il sindaco del Dotto – ma per i cambiamenti io non ho la bacchetta magica, e le innovazioni sull’organizzazione e sui metodi di lavoro che abbiamo avviato devono ancora entrare a pieno regime”. Del Dotto al momento manterrà per sè le deleghe su sport e cultura.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento