Così parlò Alfredo Susanna

BASKET DNA - Il patron dell’ArcaAnthea rilancia le sue ambizioni alla guida della società biancorossa e conferma l’allenatore Roberto Russo.

-

Da Milano ad Agrigento. Un lungo itinerario di lavoro che spazia lungo tutto lo stivale e che potrebbe andare avanti ancora qualche settimana, ma che giocoforza dovrà concludersi, o completarsi entro la fine di giugno. Prosegue serratissimo il lavoro dei massimi dirigenti dell’ArcAnthea Pallacanestro Lucca alla ricerca di forze nuove in grado di dare ulteriore slancio ed ossigeno ad un progetto che nel volgere di poche stagioni ha portato la Lucca del basket alla Lega Due Silver.
Al momento non ci sono grandissime novità visto che il lavoro rimane sottotraccia ma il morale di patron Alfredo Susanna ci è parso più che discreto tendente all’ottimismo, ma senza esagerare. Intanto lo stesso Susanna ha ribadito e ha voluto confermare che Camillo Auricchio e Iolanda Zambon restano saldamente al suo fianco. Inoltre è parso ancora decisamente infastidito, nonostante sia già trascorso qualche giorno, sulle voci riguardanti il tecnico Russo. Susanna ha voluto ribadirescae che con questo progetto anche il prossimo anno il coach dei biancorossi sarà Roberto Russo, tecnico vincente fino a prova contraria e che quindi non si cambia.
Tutto il resto, e non è poco, verrà solo in un fase successiva. E per tutto il resto s’intende l’allestimento della squadra in vista del prossimo campionato di Lega Due Pro. Un torneo impegnativo che vedrà per la prima volta a Lucca anche l’arrivo di due americani. Certo che la volontà degli attuali dirigenti e di evenutali “rinforzi” societari è quella di proseguire in modo serio e ricco di soddisfazioni. In definitiva Susanna e i suoi compagni di viaggio non si accontenterebbero di vivacchiare. Non fa partre del loro spirito e del loro manifesto con cui idealmente solo tre anni fa, era l’estate del 2010, si affacciarono sul palcoscenico della gloriosa Pallacanestro Lucca.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento