Il mercoledì-day dell’ArcAnthea

BASKET - Saranno finalmente svelate le strategie della società biancorossa per la prossima stagione. Dal nuovo presidente (Montorro) alla conferma di coach Russo fino alla squadra che giocherà in Lega Due Silver.

-

8_7_13__arcanthea.jpg

Le strane vicende del basket lucchese premesso che tempi e desiderata, oltre a situazioni tecniche e logistiche diverse, fanno appunto la differenza. Così mentre Le Mura con l’arrivo di Naomi Halman ha di fatto completato la squadra per il prossimo campionato, ancora avvolto nel fitto mistero della calda estate quello che sta accadendo in casa-ArcAnthea. Beninteso un mistero che non ha nulla di Hitchcokiano anche perchè qualche realtà’ è ben presente nel panorama biancorosso. Detto che patron Susanna ha lavorato per un mese abbondante pancia a terra al fine di trovare la quadratura del cerchio, soprattutto economico, ne sapremo decisamente di più nei prossimi giorni quando (probabilmente mercoledì alle 11.30) sarà convocata una conferenza stampa. Di carne al fuoco ce n’è davvero tanta. Innanzitutto le certezze che si chiamano Roberto Russo, il coach è stato fortemente confermato e vivrà la sua terza stagione consecutiva sulla panchina della Pallacanestro Lucca. Così com’è rimasto il general manager Lorenzo Marruganti che ad un certo punto sembrava sicuro partente. Da identificare il vice di Russo visto che Mecacci se n’è andato ed anche nel roster, la squadra giocherà in Lega Due Sulevr, ci saranno ghiotte novità. Si dovrebbe ripartire da tre pezzi da novanta che hanno tanto di contratto in mano; ovvero Banti, Santarossa e Davide Parente. Da chiarire il futuro di capitan Barsanti e tanta attesa, ma soprattutto da non sbagliare la scelta degli americani. Infine il capitolo presidente. Ugo Vincenzini ha lasciato la carica, anche se rimarrà vicino ai colori biancorossi. Al suo posto in strapole position Franco Montorro. Infine sarà lo stesso Susanna a chiarire come si rinnoverà lo staff dirigenziale ma soprattutto quale sarà il budget a disposizione per affrontare un torneo davvero insidioso e ricco di mille difficolta’, ancorchè affascinante sul piano tecnico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento