TC Italia che vince non si cambia

TENNIS - Confermata la squadra che ha vinto lo scudetto 2012 a Rovereto. Volandri, Marrai, Bramanti, Trusendi, Giorgini e lo spagnolo Olaso dal 6 ottobre difenderanno il titolo tricolore. F.Marmi inserito in un girone di ferro.

-

26_8_13__tennis.jpg

“Partiamo a fari spenti, per fare una buona stagione”. Così parlò, anzi ha parlato, Sergio Marrai il presidentissimo del TC Italia Forte dei marmi, squadra campione d’Italia dopo il successo maturato lo scorso anno nella finalissima di Rovereto. Credere alle parole di Marrai oppure il patron fortemarmino fa, come si dice in gergo, un pò di pretattica ? Di sicuro confermarsi ai vertici non è mai semplice anche se la squadra versiliese mantiene intatte le proprie chances di essere ancora protagonista. Intanto avrà sicuramente i riflettori puntati addosso poichè campione in carica e quindi nascondersi non sarà facile. Dal 6 ottobre, giorno in cui inizierà il nuovo campionato, capiremo le possibilità di Marrai, Matteo in questo caso, e compagni. Squadra che vince non si tocca. visto che come avevamo ampiamente anticipato, la società ha deciso di confermare il gruppo che ha regalato uno storico scudetto. Dunque scenderanno in campo: Filippo Volandri, il numero 1, Matteo Marrai, Davide Bramanti, Walter Trusendi, Daniele Giorgini e lo spagnolo Guillermo Olaso. Definiti anche i gironi eliminatori: il Forte dei Marmi è inserito nel girone 2 con: Castellazzo Parma, Parioli Roma, Bassano e Rovereto. Un gruppo di ferro che la squadra campione forse meritava miglior trattamento. Debutto il 6 ottobre in casa contro Rovereto cui seguirà la trasferta di Bassano ed ancora il 27 ottobre il Parioli in casa, e a chiudere il 3 novembre l’insidiosa trasferta di Parma con il Castellazzo, avversario ormai storico. Obiettivo: entrare tra le prime due per andare a difendere il titolo nel contesto di un regolamento piuttosto cervellotico. La finalissima si disputerà per il quarto anno consecutvo a Rovereto il 7 e l’8 dicembre. Sarebbe bello esserci ancora…

Lascia per primo un commento

Lascia un commento