Sette lavoratori in nero in un bar

VIAREGGIO - La Guardia di Finanza, nell’ambito di un piano d’interventi nel settore del lavoro nero, ha constatato la presenza di ben sette dipendenti irregolari su un totale di tredici.

-

guardia-di-finanza11.jpg

Il Gruppo della Guardia di Finanza di Viareggio, nell’ambito di un piano d’interventi nel settore del lavoro nero, ha constatato la presenza di ben sette dipendenti irregolari su un totale di tredici, tutti impiegati come camerieri, cuochi e pizzaioli in un locale della Versilia.L’azione di contrasto, innescata da una segnalazione al numero 117, è stata effettuata, con la collaborazione del Nucleo Ispettivo Lavoro dei Carabinieri di Lucca, nel fine settimana presso un ristorante- bar di Viareggio: più della metà dei dipendenti sono risultati impiegati senza corresponsione di contributi e in violazione delle norme di tutela dei rapporti di lavoro e legislazione sociale.
La prima conferma delle posizioni irregolari veniva accertata al momento dell’intervento da un controllo alla banca dati del Ministero del Lavoro. Le persone “sfruttate” svolgevano mansioni prevalentemente di “pizzaioli, camerieri e addetti alla cucina”.
Le Fiamme Gialle e i Carabinieri al termine dell’attività hanno elevato sanzioni amministrative per 12.500 euro.
L’attività commerciale, inoltre, subisce il provvedimento della “sospensione”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento