La povertà cresce e si diffonde

PROV. LUCCA - La povertà cresce e aumentano sempre di più i casi inaspettati. E’ questa la fotografia scattata dal dossier elaborato dalla Caritas nella Diocesi di Lucca.

-

Il dossier, presentato dall’Arcivescovo Italo Castellani e dalla direttrice Donatella Turri, si basa sui dati del 2012 dei Centri di Ascolto, il punto di riferimento per le famiglie in difficoltà. Nell’ultimo anno i soggetti ascoltati sono stati 1469, vale a dire 201 in più rispetto all’anno precedente. Le famiglie interessate dal fenomeno sono prevalentemente composte da persone coniugate, spesso con figli minori, sia italiane sia straniere, che non riescono a far quadrare i bilanci familiari. La povertà insomma non riguarda solo gli immigrati, tutt’altro, e sempre più spesso colpisce famiglie impensabili, magari colte all’improvviso da licenziamenti, oppure con un reddito, ma non abbastanza alto.
Le richieste di aiuto più frequenti sono rappresentate dalla fornitura di beni e servizi materiali come viveri, vestiario, buoni pasto e prodotti per l’infanzia. La richiesta di sussidi economici, nonostante la condizione di grave deprivazione nella quale vertono buona parte delle persone incontrate, rimane piuttosto contenuta: circa un decimo di quelli che si rivolgono ai centri d’ascolto.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento