Una mappa contro il rischio amianto

LUCCA - Un censimento dei manufatti in amianto che si trovano nei capannoni e nelle strutture produttive in provincia di Lucca. L’iniziativa presentata da Conflavoro Piccola e Media Impresa e da Anthea.

-

L’iniziativa, gratuita, che gode del patrocinio dell’Osservatorio nazionale amianto, è stata presentata da Conflavoro Piccola e Media Impresa e da Anthea, azienda lucchese specializzata nel settore.
Il progetto, oltre a sensibilizzare gli imprenditori sul problema amianto e a fornire un rapporto sul grado di pericolosità delle coperture presenti negli edifici artigianali o imprenditoriali, mira a fornire gratuitamente la consulenza per la loro rimozione in sicurezza, anche alla luce degli ultimi incentivi nazionali e regionali. In più, alla fine del censimento, saranno resi pubblici i risultati sul grado complessivo di pericolosità dell’amianto in provincia di Lucca.
Le strutture in amianto, l’eternit in particolare, sono pericolose quando si trovano in condizione di disfacimento. L’inalazione delle microfibre può infatti provocare tumori all’apparato respiratorio. La produzione di eternit è vietata dall’inizio degli anni ‘90 ma il pericolo c’è tutt’ora perchè sono moltissime le coperture in fibrocemento ancora esistenti e perchè i tempi di incubazioni della malattia sono molto lunghi.
Chi vuole aderire al progetto è pregato di contattare il numero verde 800 911 958 presso la sede di Conflavoro Lucca.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento