Kedrion al bivio tra New York e Barga

BARGA - L’azienda famaceutica Kedrion sta valutando la possibilità di realizzare sul territorio comunale di Barga la nuova linea produttiva inizialmente prevista negli Stati Uniti.

-

Se ne discuterà in consiglio comunale a Barga, il 2 gennaio. La Kedrion spa, azienda leader nel settore degli emoderivati, sta sondando la possibilità di aprire un nuovo stabilimento a Castelvecchio Pascoli, utilizzando peraltro strutture già esistenti, senza quindi dover consumare il territorio con nuovi capannoni. Inizialmente il gruppo aveva previsto di aprire la nuova linea di produzione nel settore delle immunoglobuline negli Stati Uniti, ampliando lo stabilimento già esistente a New York. Adesso però la Kedrion, vista anche la situazione occupazionale in Italia, sta cercando di capire se questa attività può essere aperta a Barga. Inutile dire che per la Valle del Serchio, sarebbe il primo spiraglio dopo un lungo periodo di cattive notizie sul fronte dello sviluppo e del lavoro. Il sindaco di Barga, Marco Bonini, predica prudenza e sottolinea che il procedimento è appena all’inizio ma i contatti per tentare di dirottare nella Valle la nuova attività sono già stati avviati.
Il nuovo prodotto lanciato da Kedrion dovrebbe entrare in commercio sul mercato americano nel 2017. Anche per questo l’operazione dovrà essere definita in tempi rapidi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento