Ponte sul Serchio, comitato al contrattacco

LUCCA- Nicola Giuntini, del Comitato Pro ponte in giusto loco, replica alle accuse del presidente della Provincia Stefano Baccelli.

-

lucca_nuovo_ponte_serchio.jpg

La vicenda del Ponte sul Serchio. Alcuni giorni fa il presidente della Provincia Baccelli aveva presentato un esposto in Procura parlando di un tentativo di screditare l’amministrazione provinciale e di bloccare la costruzione del ponte. Tra le persone citate da Baccelli anche il presidente del comitato pro ponte il giusto loco, Nicola Giuntini che adesso replica.
“L’unica attività svolta dal Comitato- scrive Giuntini – è stata quella di segnalare per iscritto all’Amministrazione le anomalie e le irregolarità che abbiamo riscontrato sul nuovo ponte e sulla sua progettazione, a cominciare dalla mancanza di uno studio di fattibilità.
“Abbiamo saputo che, anche alla luce delle nostre osservazioni – scrive ancora Giuntini -la Provincia ha chiesto ad un professionista esterno un parere legale sulle procedure di aggiudicazione della progettazione del ponte. Evidentemente anche secondo Palazzo Ducale i nostri dubbi meritavano almeno un approfondimento”.
“Non comprendiamo allora come l’attività del Comitato possa essere bollata come un “meccanismo per gettare fango sulla Provincia. E chiediamo – conclude Giuntini – se è vero che l’amministrazione provinciale ha deciso di corrispondere 10.000 euro ad un avvocato per promuovere azioni legali contro dei cittadini che le hanno segnalato delle possibili irregolarità”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento