Utenze stadio, anche Tuccori va in Procura

LUCCA - Anche l’assessore comunale allo sport Massimo Tuccori si è recato in Procura per la vicenda delle utenze staccate allo Stadio Porta Elisa.

-

lucca_tuccori.jpg

Lo ha reso noto in una nota lo stesso assessore, “a tutela – si legge – di quanto da noi giustamente effettuato circa il ripristino delle linee del quadro elettrico”.
“Secondo la convezione stipulata con la Lucchese – spiega l’assessore – il Comune di Lucca, tramite i propri uffici competenti si riserva il diritto di procedere anche senza preavviso a periodici controlli dei beni concessi in uso, allo scopo di accertarne il grado di conservazione e manutenzione. Quindi l’Ente ha tutte le carte in regola per entrare allo Stadio Porta Elisa e riattivare le linee interrotte presenti sul quadro elettrico non essendo intervenuti minimamente sul contatore intestato alla Lucchese”.
Per quanto riguarda la questione dei pagamenti delle utenze di luce e gas dello Stadio Porta Elisa, in carico al Comune, l’assessore precisa che “l’amministrazione può provvedere a farsi carico dei pagamenti solo dopo la presentazione delle bollette debitamente quietanzate da parte della Società che al momento la Lucchese non ci ha fatto pervenire nonostante le richieste effettuate”.
“Dispiace – dice ancora Tuccori – vedere l’atteggiamento poco collaborativo della società Lucchese Libertas che, attraverso l’operato del suo presidente Andrea Bacci, persevera nella più totale chiusura nei confronti dell’Amministrazione Comunale che sta agendo secondo le norme stipulate dai regolamenti e dalla concessione sottoscritta l’estate scorsa. Da parte del Comune, come descritto anche nell’articolo 20 della concessione, vi è la piena volontà di risolvere e di “definire amichevolmente qualsiasi controversia” cosa che però sembra quasi impossibile visti i continui e inopportuni atteggiamenti della Società”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento