La Finanza scova 133 “falsi poveri”

LUCCA - Centotrentatrè falsi poveri individuati dalla Guardia di Finanza di Lucca nell’anno passato.

-

E’ uno dei dati più interessanti del bilancio 2013 delle Fiamme Gialle, presentato dal colonnello Gabriele Failla, comandante provinciale della Finanza lucchese. I falsi poveri sono colori che autocertificano un reddito più basso di quello reale per ottenere agevolazioni delle quali in realtà non hanno diritto, a partire dall’esenzione del ticket sanitario, per arrivare all’accesso alle case popolari o alle agevolazioni sulle tasse universitarie. Dal 2013 la Finanza ha iniziato a sperimentare un software informatico proprio sui ticket sanitari.
Il sistema sembra che non lasci scampo ai falsi poveri. Le Fiamme Gialle ne hanno scovati ben 126 e la media degli importi non pagati accertata è passata dai 100 euro degli anni precedenti a 1.300 euro. A loro si aggiungono 7 beneficiari di prestazioni sociali agevolate in realtà non dovute. Tra gli altri risultati del 2013 della Finanza lucchese, la scoperta di poco meno di mille casi di scontrini e fatture fiscali irregolari, 28 casi di liberi professionisti evasori fiscali e 26 casi di affitti in nero.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento