La Lucchese è una grande orchestra

CALCIO D - Il duello con la Correggese può essere deciso dalle tante opzioni della squadra di Pagliuca. Giovedì mattina allenamento a Saltocchio. Rientra Espeche in difesa, forse unica novità per la trasferta di Borgo S.Lorenzo.

-

Se il campionato è una lunga colonna sonora, il tappeto musicale è sostanzialmente caratterizzato dai solisti della Correggese, vedi il superbomber Luppi, ma anche dalla sinfonia della lucchese, confermatasi una vera e propria orchestra. Al di là dei paragoni musicali le 30 giornate fin qui disputate hanno evidenziato l’assoluta capacità della formazione di Guido Pagliuca di trovare soluzioni tanto diverse ma quantomai efficaci allo sbocco della propria manovra. Lo testimonia la facilità con la quale difensori, vedi Calistri, ma soprattutto centrocampisti (Nolè e Aliboni in doppia cifra a quota 11) hanno trovato la via del gol. Insomma, alla Lucchese mancherà il Luppi di cui sopra, ma certamente le risorse sono robuste e ad ampio respiro che in vista della volatona finale potrebbe rappresentare anche un bel vantaggio. Intanto giovedì mattina la squadra si è allenata nella roccaforte di Saltocchio. Pagliuca sta valutando le varie soluzioni dato che tutta la rosa è a disposizione: in realtà è rimasto a riposo precauzionale Leandro Casapieri ma il portierino sarà disponibile. Rientra anche Espeche al centro della difesa mentre per il resto crediamo che il tecnico rossonero sia orientato a confermare l’undici che ha battuto nettamente il Mezzolara. Quindi ancora Ghelardoni in mediana al fianco degli inamovibili Aliboni e Nolè, magari a fare staffetta con Calcagni, e Tarantino-Caboni in attacco con Raicevic e De Luca pronti a subentrare. Infine sul discorso del turnover, dopo soli quattro giorni c’è la Massese, ci andremmo cauti anche perchè con ogni probabilità Pagliuca qualche avvicendamento potrebbe farlo soprattutto nei due esterni bassi dove Zinetti è tornato disponibile e Terlino scalpita.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento