Legati e rapinati in casa

LUCCA - Violenta rapina la notte scorsa a S. Anna. Una famiglia cinese è stata rapinata da tre uomini, anch’essi cinesi, che dopo aver immobilizzato marito e moglie (mentre i figli dormivano) hanno portato via soldi e preziosi.

-

I malviventi sarebbero entrati nell’abitazione arrampicandosi su un terrazzo e rompendo il vetro di una finestra. In quel momento all’interno dell’appartamento era presente la signora e i tre figli minori che stavano dormendo. La donna, sentiti dei rumori, si è alzata dal letto per andare a controllare, ma è stata subito bloccata dai malviventi che le hanno chiuso la bocca con del nastro adesivo lasciandole le mani libere per poter tenere in braccio la figlia più piccola di pochi mesi. I tre uomini si sono impossessati di soldi e preziosi. Dunque in casa è entrato il marito. Anch’egli è stato immobilizzato. Le vittime hanno raccontato alla polizia che i malviventi erano sicuramente loro connazionali in quanto si esprimevano in lingua cinese “mandarino” e tutti indossavano mascherine del tipo infermieristico e guanti. I rapinati, che non hanno riportato lesioni, sono titolari di un ristorante; i rapinatori hanno dimostrato di sapere che la coppia gestisce proprio questo locale. Le rapine tra cinesi sono purtroppo diffuse in zone ad alta densità di tale etnia, come ad esempio Prato. Sul posto per i rilievi e le successive indagini anche personale della Polizia Scientifica e della Squadra Mobile.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento