Rubano olio per 90mila euro da “Rocchi”

LUCCA - Sette anni dopo l’ultimo maxi furto, la banda dell’olio è tornata a colpire allo stabilimento Rocchi di Sant’Alessio. Ancora una volta un colpo da professionisti.

-

I ladri sono entrati in azione di notte ed hanno svuotato un’intero silos, 250 quintali d’olio per un valore di 90mila euro circa.
E’ Cesare Rocchi, il direttore del famoso oleificio, a portarci sul luogo del furto. La banda è arrivata con una cisterna che è stata parcheggiata sulla strada sterrata lungo fiume, alle spalle dell’oleificio. Da qui nessuno poteva vederli. Hanno scavalcato la recinzione ed hanno scassinato una porta sul retro del deposito. Poi hanno srotolato un lungo tubo, questo è un pezzo rimasto sul posto, che dalla loro cisterna hanno collegato ad un silos. Dopo, non è rimasto altro che succhiare l’olio ed andarsene.
Da chiarire come abbiano fatto i malviventi a disattivare il sistema d’allarme, che in effetti non è entrato in funzione. Sul posto è intervenuta la Polizia Scientifica per acquisire le immagini delle telecamere di sicurezza dello stabile e per la ricerca di eventuali tracce.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento