Primo giorno della Lam, navette semivuote

LUCCA - E' partita la Lam, la nuova linea ad alta mobilità studiata per garantire i collegamenti rapidi per il nuovo ospedale San Luca. Ma forse pochi cittadini lo sanno.

-

Oppure ormai quasi nessuno usa più i mezzi pubblici. Abbiamo stazionato per mezz’ora davanti all’ospedale, in tarda mattinata. Sono arrivate in tutto cinque navette, quindi gli intervalli di 12 minuti tra l’arrivo di un mezzo e l’altro sono più che rispettati. Ma tre navette al loro arrivo all’ospedale erano completamente vuote e dalle ultime due sono scese due sole persona. Mentre dall’ospedale sono ripartite in totale quattro persone. Eppure il servizio è gratuito, almeno fino alla fine di giugno. L’autista della prima navetta, rigorosamente vuota, ci aveva detto che nella prima parte della mattinata un po’ di movimento c’era stato ed aveva dato un suggerimento per rendere più efficiente il servizio, cioè una corsia preferenziale sulla circonvallazione.
Dopo, un altro autista ci ha confidato che c’è stata poca informazione e che nemmeno i conducenti degli autobus sapevano che il biglietto era gratis fino a giugno. Forse, per vari motivi, l’autobus non è il mezzo più indicato per chi si reca in ospedale. O anche, dopo decenni di inefficienza, i cittadini il servizio pubblico non lo prendono nemmeno più in considerazione. E lo testimonia il fatto che invece di auto al Campo di Marte ce ne erano molte. Anche in sosta vietata intorno alla rotatoria, luogo già di diversi blitz della Polizia Municipale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento