7 ore di attesa al pronto soccorso per una sospetta appendicite

LUCCA - L'incredibile racconto di una ragazza di 21 anni che qualche giorno fa è andata, su indicazione del medico di famiglia, al pronto soccorso dell'ospedale San Luca.

- 10

 

Questa ragazza si chiama Alice, ha 21 anni, e da qualche giorno la sua fiducia nella sanità e in particolare di quella lucchese ha subito un duro colpo. Dopo aver accusato un forte malore è andata dal suo medico di famiglia, che preoccupato per una possibile appendicite, le ha prescritto una visita urgente al pronto soccorso dell’ospedale San Luca. E’ entrata poco prima delle 18, è uscita dopo l’1 di notte, dopo sette ore. Nonostante il filtro del medico di famiglia e un codice verde, l’organizzazione del nuovo pronto soccorso l’ha costretta ad un’attesa estenuante.

“Da quanto ho potuto verificare io con la mia esperienza – spiega Alice – gli infiniti tempi di attesa sono dovuti alla mancanza di personale e ad una nuova organizzazione che prevede la priorità dei colori dei codici nelle singole stanze di visita e non in tutto il pronto soccorso.

Ho parlato con una donna di 80 anni che era arrivata al pronto soccorso intorno alle 13, inviata dai medici di una casa di cura per alcune analisi completamente fuori dalla norma, e che a mezzanotte era ancora in attesa.

Alcuni infermieri, aspramente criticati dalla gente, ci hanno invitato a raccontare la situazione ai media affinché qualcuno intervenga e risolva una situazione di cui loro stessi sono vittime”.

Commenti

10


  1. La colpa era una bella donna ma non la voleva nessuno,non conosco la situazione del pronto soccorso di Lucca ma mi chiedo, il medico di famiglia dopo aver spero fatto una bella visita alla signorina tanto di palpazione della addome ricerca dei punti di repere e anamnesi perché non ha richiesto emocromo urgente? Bene più facile inviare il paziente in ps ok ultima domanda alla fine la paziente cosa aveva?


    • cara Angela, non è così semplice, il sistema sanitario in toscana non prevede più il ricovero diretto a e per quel reparto , ma prevede che le urgenze intese tali ,siano dirottate al pronto soccorso, dove l’hai e corono, l’ecografica , la visita specialistica venga effettuata dal medico del P.S.
      Il problema è che sono i cittadini a dover subire tutto questo


  2. Lo stesso giorno mia madre è arrivata al PS alle 15,25 e uscita alle 22,30. Come la ragazza aveva la richiesta del proprio medico per forti dolori addominali e febbre a 40.
    Al di la della mancanza di personale, che senz’altro deve esserci, ho visto tanta disorganizzazione e superficialità.
    Come sempre nessuno ha la responsabilità.
    Forse i consiglieri regionali dovrebbero provare sulla propria pelle cosa vuol dire aspettare per ore all’interno di un pronto soccorso. Ma dimenticavo che loro non sanno cosa voglia dire attendere.


  3. Ringraziamo rossi, che taglia il personale è inaugura la cittadella della salute a nostre spese!!! Il san Luca ha dei reparti chiusi perché manca il personale


    • È la cittadella della salute NON FUNZIONA in quanto a gestirla devono essere i medici di famiglia ( CHI L ‘ HA VISTO ) e da OSS senza esperienza.
      Risultato : i pazienti vengono rimandati al S. Luca


  4. Io per dolori alla gamba dx sono andata al pronto soccorso san.luca alle ore 9 .dopo avermi fatto antidolorici inutili gia ‘ fatti a casa ho dovuto aspettare visita ortopedico ma non c’erano barellieri x andare dove visita dopo varie discussioni di mia nadre sono arrivata dall’ortopedico alle ore16.30 mi ha mandato a fare radiografia ma non arriva barelliere sono passati 30 minuti .mi hanno portato a fare radiografia all’anca avevo sempre dolore finita la radiografia ho aspettato altri 30 minuti il barelliere x ritornare dall’ortopedico x cura e risultati. Dopo mi hanno rimesso in sala di attesa per essere riportata dal medico al pronto soccorso x I fogli da riempire xpoter andare via ma il barelliere troppo occupato non arrivava .un infermiere non potendomi piu ‘ vedere in quelle condizioni senza pranzo …..mi ha accompagnato lui molto gentilmente anche se non poteva. La dottoressa al pronto soccorso ha scritto I fogli x le dimissioni con il conto da pagare .alle18 30 ho lasciato il pronto soccorso finalmente pero sempre con il mio dolore. Guardo I fogli e quello che dovevo pagare , nel conto ho trovato anche una tac alla testa di euro 94 che io non avevo fatto . Mia madre si e ‘ informata dell’errore fatto mi hanno detto che devo rifare la trafila al pronto soccorso e rifarmi fare tutti I fogli x non pagare la tac .ecco le mie 10 ore , che ne sarebbero bastate 2ore piu ‘ 10euro di parcheggio questo e il san luca oltre al caos che ho visto.piu’triste che non mi hanno fatto stare meglio e sono andata da uno specialista a pagamento .questa e ‘ la sanita italiana grazie che tristezza.


  5. Mi sono dimenticata di dirvi che non ci sono coperte ne guanciali e le porte anche dei bagni non si chiudono a chiave e l’infermueri hanno detto che non hanno mai funzionato…….e noi si paga


  6. e’ la verita’ ho portato mia madre di 92 anni per scompenso cardiaco dalle ore 12,30 alle ore 20 prima di essere ricoverata in astanteria ora chiamata OBI ma trattata da “alcuni medici” coem una ROTTURA DI SCATOLE perche’ ci sono troppi vecchi e non ne possiamo piu’ di queste situazioni tenetele a casa ( mi ha detto un medico )..oltretutto trovano esami ematici fuori regola ad una 92 enne ( potassio tra l’altro basso ) e pensano che veniamo a divertirci !!..e dopo due esami aspettati ad ore ti vorrebbero rimandare a casa dicendoti pure £trovatevi una badante ” comes e fosse facile in una giornata trovare la badante e pagarla per una pensionata che prende 600 euro !!! po io se invece alzi un po’ la voce allora te la ricoverano quasi fosse un FAVORE che ti fanno e non un dovere ma ti dicono subito che stara’ minimo indispensabile certo meglio che me la mandino a casa senza potassio nel sangue a morire senza assistenza ..ma siamo alla frutta davvero oltre ad un ospedale senza posti letto..cui si vorrebbe rimediare con le cure intermedie al momento di soli 14 posti letto !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!…ci trattano come se volessimo approfittarcene perche’ i nostri vecchi stanno male ed hanno bisogno di cure mediche in ospedale !!!!!!!!!!!!!!!!!

    manca personale al pronto soccorso mancano posti letto nelle chirurgie non operano perche’ ci mettono persone che non hanno posti letto in una medicina…

    andate a vedere il pronto soccorso giornalisti andate ogni giorno se e’ normale che vecchi stiano su barelle in attesa di essere visti minimo sei sette ore se va bene…..


  7. Rispondo a Hugo.
    Forse lei nn sa che un metodo per bypassare il Pronto soccorso sono le visite e gli accertamenti urgenti che il medico di famiglia puo richiedere.
    Anche un eco puo essere fatta urgente, basta che il Sig medico curante alzi la cornetta del telefono e prenda accordi con i radiologi… E cosi pet tutti gli accertamenti urgenti..
    Sono percorsi che i curanti sanno che esistono, quando ritengono che una cosa è urgente, ma che nn utilizzano perche fa fatica e perche dopo il paziente torna da loro a far valutare i risultati, quindi poi c’e la responsabilità di una diagnosi, ergo se ne lavano le mani passando la palla al pronto soccorso.


  8. Quando si porta un vecchio al pronto soccorso vuol dire che le altre strade e percorsi hanno avuto esito negativo..e esigiamo rispetto e assistenza come da costituzione e diritti umani il resto sono chiacchere da farsi in riunioni dirigenziali o politiche…il succo è che la sanità a Lucca è un colabrodo e si scarica la colpa sui pazienti ora !!

Lascia un commento