Capannori, imam espulso; la comunità islamica si difende: “male interpretate le sue parole”

CAPANNORI - Il giorno dopo la clamorosa espulsione dall'italia di Abdel Mounime Haida, 33 anni, l'imam accusato di essere un predicatore estremista, la comunità islamica di Capannori si difende.

-

Il responsabile del centro di preghiera del Frizzone, Jilali Moutawakil, si dice ancora sorpreso del provvedimento preso dal Ministero nei confonti del giovane, che risiede da anni a Camigliano con la famiglia.

Secondo il presidente del Comitato comunità Islamica, alla base del provvedimento ci sarebbe un’errata interpretazione della parole dell’imam.

Infine Moutawakil ribadisce che la sua comunità è contraria al terrorismo.

Proprio questa mattina però il ministro Alfano ha confermato che l’imam di Capannori è stato espulso perchè incitava all’odio nei confronti dell’Italia e che la sua rientrava in un piano complessivo di 26 espulsioni dal nostro paese in vista della partenza dell’Expo 2015

Lascia per primo un commento

Lascia un commento