Sanità, Marroni conferma la nascita dell’ “Aslona”

VIAREGGIO - In un incontro con il personale della asl12, l'assessore alla salute della Regione, Luigi Marroni, ha confermato l'accorparmento delle Asl dell'area vasta.

- 1

marroni

Le Aziende Sanitarie. ha detto Marroni, passeranno da 12 a 3, ricalcando territorialmente le zone attribuite alle Aree Vaste (per la Versilia l’abbinamento comprenderà Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno) dirette, ognuna, da un Direttore generale, un Direttore Amministrativo e da un Direttore Sanitario. Le attuali Aziende Sanitarie si trasformeranno in Divisioni Territoriali, con un Direttore Generale il cui il ruolo, in stretto contatto con la Conferenza dei Sindaci, si svilupperà in buona autonomia tra ospedale e territorio.

Commenti

1

  1. associazione.per non morire


    associazione per non morire

    Gli argomenti sopracitati, sono alquanto contradditori e, secondo noi anche poco plausibili.
    Innanzitutto si parla di riforma sanitaria Regionale, in realtà è un vero e proprio utilizzo improrio della parola riforma.
    E’ nostra opinione che, si cela solo ed esclusivamente un sonoro ritocco alla spesa sanitaria, con l’accortezza di esprimerlo con un taglio ad un certo livello, un taglio orizzontale che non terrà conto di nessun parametro nè di giustezza nè tantomeno di equità e di tutela sanitaria collettiva. Questo modo di interpretare il “risparmio” sanitario, già attivato in altri paesi europei, non solo porterà ad una sanità di degrado di efficienza ma, anche ad un aggravio di spesa specifica.
    Infatti, il princio in filosofia della tutela sanitaria è quello della risorsa illimitata e controllata, al fine di un immediato o quantomeno più breve possibile recupero del paziente-cittadino, atto a poter riprendere le proprie attività quotidiane e consuete in uno stato di forma psico-fisica adeguato e, quindi, meno costoso per l’intera collettività.
    Molte altre le riflessioni sulla trasformazione Sanitaria della Toscana, che passano dal peso politico dei Sindaci e della Conferenza, fino ad arrivare ad un corto circuito tra chi, come i Direttori Generali e altre figure Aziendali, hanno un contratto di carattere privato e chi, come la maggior parte del personale delle nostre ASL, da anni ha il profilo pubblico come esempio di contrattualizzazione.
    Evidente lo stridio dei due modi di vivere il lavoro per il benessere dei cittadini e, a parere nostro,esageratamente a favore di chi non ha interessi pubblici ma essenzialmente di diritti-doveri privati.
    Cittadini e politici inermi davanti ad una riforma dettata da calcoli matematici e da fatturazioni controllate a tutto diniego di concetti di solidarietà, equità, cura e riabilitazione della salute collettiva.

Lascia un commento