Trovata prostituta morta a Migliarino; sul corpo ferite da arma da taglio

TORRE DEL LAGO - Il corpo senza vita di una prostituta nigeriana, è stato ritrovato nel pomeriggio sull'Aurelia a Migliarino, a poche centinaia di metri da Torre del Lago. Sul corpo sono state trovate delle ferite di arma da taglio

- 3

Una prostituta nigeriana dall’ apparente età di 30-35 anni, è stata trovata morta nella pineta della Bufalina, al confine tra Migliarino e Torre del Lago. Sulla salma sarebbero state rilevate numerose ferite da arma da taglio. Sono stati 2 ragazzi tedeschi a dare l’allarme: percorrevano in bici un sentiero quando hanno visto il corpo ed hanno fermato un automobilista di passaggio che ha immediatamente allertato il 112. Sul posto e’ intervenuta un’ automedica del 118 oltre gli uomini del radiomobile, della stazione di Migliarino Pisano e di Torre del Lago e il comandante provinciale dei carabinieri di Pisa, colonnello Andrea Brancadoro. Poco dopo e’ arrivato anche il magistrato di Pisa dottoressa Lidia Pagnini. Gli uomini della scientifica ed il medico legale hanno setacciato palmo a palmo la zona dell’omicidio alla ricerca di tracce per risalire all’identificazione dell’aggressore e per chiarire la dinamica dei fatti, ma al momento si escluderebbe l’ipotesi della rapina. La zona dove è stato trovato il cadavere è abitualmente frequentata da prostitute e una di queste, sentita dai carabinieri, avrebbe riferito di aver visto la donna arrivare stamani intorno alle 11:30 e poi di non averla più notata. Un’altra prostituta avrebbe riferito che la vittima, conosciuta dalle colleghe come Grazia la nera, le avrebbe confidato nei giorni scorsi dei timori riguardo un uomo straniero che transitava spesso lungo la strada. La donna giungeva dalla provincia di Pisa, dove abitava, in pulman verso le 11 di mattina, per ripartire intorno alle 16.30 ed era madre di due bambini attualmente residenti in Nigeria.

Commenti

3

  1. roberto della santina


    Abito a 100 metri dove è stata trovata la ragazza nigeriana uccisa ieri in pieno giorno, la vedevo arrivare con il bus, parlare con le sue “colleghe” e andare a “lavoro”.
    Non credo che nessuna di quelle donne che vediamo ai margini della strada faccia il “mestiere più vecchio del mondo” per vocazione, scappano dai loro paesi in cerca di un mondo migliore e molte in mano ad organizzazioni criminali, si ritrovano sulla strada lontano dal loro paese di origine e dai loro affetti.
    Non invoco la solita nenia ” dove sono le forze dell’ordine?”,magari vengono ,fanno una retata e il giorno dopo le solite persone le ritrovi al solito posto a vendere per pochi spiccioli il loro corpo.
    Chissà come immaginava il suo futuro,magari sperava di fare un pò di soldi e tornare a casa sua, e invece “una bestia” non posso paragonarlo ad un essere umano ,ha infranto le sue aspettative, i suoi sogni.
    La parrocchia di Torre del Lago in linea d’aria è a circa 500/600 metri dal luogo del delitto, siamo nella Settimana Santa, quanti per devozione, per abitudine frequentano la chiesa, pulisce l’anima nei confessionali, lascia un obolo per sentirsi in pace con la propria coscienza e magari quando percorrono l’Aurelia in direzione Pisa vedono queste”disgraziate”, qualcuno fà finta di non vedere, qualcuno invocherà la mancanza d’intervento delle forze di polizia per togliere dalla strada questa vergogna,perchè non vogliamo vedere ” gli ultimi, i diseredati,” per i quali, per chi crede, Dio ha mandato sulla terra suo Figlio, Gesù Cristo perchè possano essere accolti, consolati e salvati, Facciamoci un bell’esame di coscienza : credenti, atei, menefreghisti, siamo TUTTI RESPONSABILI,e oggi questa vicenda mi tocca perchè è successo a pochi passi da casa mia e non me ne sono accorto, anchio passavo davanti a quella ragazza che scherzosamento metteva in mostra le sue grazie per attirare clienti e anchio a volte ero indiferrente e se ero in compagnia facevo commenti…………………………..!


  2. mi dispiace × lei


  3. mi dispiace × lei

Lascia un commento