Ragazza di 27 anni ricoverata in ospedale per meningite

LUCCA - Una ragazza lucchese di 27 anni è stata ricoverata all'ospedale di Pescia per un caso di meningite C. Attivata la profilassi per le persone che sono state in stretto contatto con la giovane. La Asl2 rende noti i luoghi che ha frequentato negli ultimi giorni.

-

 

 

Ecco il comunicato stampa diffuso dalla ASL2 di Lucca:

“Nella notte tra venerdì 17 e sabato 18 aprile è stata visitata al Pronto Soccorso dell’ospedale “San Luca” una giovane lucchese con sospetta meningite.

Essendo occupati da altri pazienti i due posti letto in isolamento di Terapia Intensiva, la giovane è stata trasferita all’ospedale di Pescia, dove è tuttora ricoverata.

La situazione è sotto controllo. Nella giornata odierna la struttura di Igiene e sanità pubblica del dipartimento di prevenzione dell’Azienda USL 2 di Lucca ha infatti già completato la profilassi sia nell’ambiente familiare che in quello lavorativo della 27enne.

Per limitare il rischio di casi secondari, è infatti importante che i contatti stretti dei malati effettuino una profilassi con antibiotici. Nella valutazione di contatto stretto, che deve essere fatta caso per caso, vengono tenuti in considerazione: i conviventi, chi ha dormito o mangiato insieme alla persona, coloro che nei sette giorni precedenti l’esordio hanno avuto contatti diretti con la sua saliva (attraverso baci, stoviglie, spazzolini da denti, giocattoli).

A puro titolo precauzionale l’Azienda fa presente che recentemente la giovane ha frequentato in serate specifiche alcuni locali: la Discoteca “KuKu” di Antraccoli (venerdì 10 aprile), la Discoteca“La Capannina” di Forte dei Marmi (sabato 11 aprile), il Bar Ristorante “Mai Mai” di Lucca (mercoledì 15 aprile).

Le persone potenzialmente a rischio sono soltanto quelle che, come detto, hanno avuto contatti stretti e ravvicinati con la ragazza, le quali sono invitate ad effettuare la profilassi (una semplice terapia con antibiotico).

L’Azienda USL 2 ha messo a punto un piano organizzativo per consentire l’effettuazione della profilassi: domani (domenica 19 aprile) i cittadini coinvolti potranno eventualmente recarsi in tutti i punti di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) del territorio; da lunedì 20 aprile nella sede del Distretto e del Dipartimento della Prevenzione in piazza Aldo Moro a Capannori.

“La meningite – spiega il Direttore Sanitario dell’Azienda USL 2 Lorenzo Roti – è una malattia causata da un batterio, ospite nel naso o nella gola, che si manifesta soprattutto nella stagione tardo inverno-primaverile. Un’idonea terapia antibiotica è in grado di determinare la scomparsa del germe in 24 ore. Il meningococco (nel caso specifico si tratterebbe del ceppo C) si trasmette solo a seguito di contatti molto ravvicinati da persona a persona, sopravvive poco nell’ambiente ed è molto sensibile ai comuni disinfettanti ed alla luce del sole”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento