I venti anni del Giro di Toscana

CICLISMO - La prossima edizione della bella corsa a tappe, ideata e voluta da patron Brunello Fanini, toccherà il traguardo delle 20 edizioni. La corsa si svolgerà nel secondo fine settimana di settembre e sarà articolata in tre giorni di gara. Lo scorso anno vinse l'americana Shelly Olds. E' arrivata la 29enne colombiana Laura Lozano.

-

 

Giro che funziona…non si tocca. E’ questo il preambolo necessario su cui nasce e si sviluppa la 20esima edizione del Giro ciclistico Internazionale femminile della Toscana. La corsa, nata nel 1996, ideata e voluta da quel vulcano che è Brunello Fanini, ha portato in questi anni sulle strade della nostra regione, e in particolare della provincia di Lucca, il meglio del pedale rosa a livello mondiale. Dal Toscana sono passate tutte le migliori cicliste del momento e molte di loro si sono poi vestite anche della maglia iridata. Ma questa ormai è storia che, nonostante le mille difficoltà del momento, proseguirà anche nel 2015. Dall’edizione dello scorso anno la corsa a tappe è stata volutamente ridimensionata nel chilometraggio, ma non nei suoi contenuti tecnici che rimangono di altissimo profilo. Basti pensare al podio del 2014 che vide salire sul gradino più alto Shelley Olds. Fu un monologo dell’americanina anche se in realtà la polacca Malgorzata Jasisnka andò vicinissima, ad un soffio che si dice un solo secondo, dal trionfo. Confermato a grandi linee anche il percorso. Si partirà venerdì 11 settembre con la classica cronometro individuale in notturna di Campi Bisenzio che assegnerà anche la prima maglia rosa. Sabato 12 la già impegnativa Segromignoin Piano-Segriomigno in Piano e domenica 13 la Lucca-capannori con l’aspro Valgiano nel finale a decidere, forse la corsa. Vedremo chi succederà alla Olds nel ricco albo d’oro, oppure se sarà la stessa statunitense a cercare un clamoroso bis.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento