Le tragedie nel Mediterraneo aprono il Festival del Volontariato

LUCCA - Taglio del nastro per l'edizione 2015 del Festival del Volontariato, in programma fino a domenica al Real Collegio e nel centro storico di Lucca.

-

 

“Il volontariato è una straordinaria ricchezza per il nostro paese e per la nostra civiltà. Lo è ancor più in un tempo di difficoltà economiche per molti e di grandi cambiamenti per tutti”. Con queste parole il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha aperto l’augurio di buon lavoro inviato ai partecipanti del Festival del Volontariato in programma fino a domenica al Real Collegio e nel centro storico di Lucca. Quattro giorni di dibattiti ed eventi dedicati a solidarietà, associazionismo, cooperazione, quest’anno con un’attenzione particolare alle “Visioni Europee”.

La giornata inaugurale è stata aperta dal convegno promosso dalla Prefettura di Lucca dedicato alla sicurezza e al ruolo del cittadino. Moderato dal caposervizio della redazione lucchese de “La Nazione” Remo Santini, l’incontro ha avuto tra i relatori professori di sociologia e urbanistica, rappresentanti delle forze dell’ordine e di istituzioni locali, ma anche il Sottosegretario al Ministero dell’Interno Domenico Manzione. Lo stesso Manzione è stato protagonista di un altro incontro, al fianco del presidente del Centro Nazionale del Volontariato Edoardo Patriarca, di un altro dibattito, dedicato all’emergenza migranti nel Mediterraneo. Tema quanto mai d’attualità. Il sottosegretario è stato chiaro: per combattere l’emergenza è necessario partire da un livello più alto, evitando che questa si verifichi.

La provincia di Lucca è stata sempre in prima linea nell’accoglienza dei profughi, ma con le strutture già sature, all’emergenza di questi giorni il nostro territorio non potrà rispondere accogliendo grandi numeri ha spiegato il prefetto Giovanna Cagliostro.

Venerdì la seconda giornata del Festival del Volontariato vedrà molti protagonisti d’eccezione: il nuovo capo della Protezione Civile nazionale Fabrizio Curcio, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti e il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento