Sequestrati 200 chili di fuochi artificiali illegali

LUCCA - Gli uomini della Polizia hanno arrestato Giovanni Pellegrini, 67 anni di Camaiore, per detenzione illegale di materiale esplodente. In un casolare dell'uomo sono stati sequestrati più di 200 Kg di fuochi artificiali illegali. Suo il petardo la cui esplosione causò l'amputazione di un piede di un operaio di Porcari lo scorso Capodanno.

-

Un uomo di 67 anni Giovanni Pellegrini, residente a Camaiore è stato arrestato dagli uomini della Polizia di Lucca perchè in possesso di un grosso quantitativo di materiale esplodente illegale, tra cui numerosi fuochi d’artificio. Le indagini per risalire all’arsenale del camaiorese sono scattate la notte dell’ultimo dell’anno a seguito dell’incidente che costò la perdita di un piede ad un operaio di Porcari. L’uomo in occasione della festa di Capodanno fece esplodere un petardo comprato illegalmente che gli causò la tremenda ferita. Tramite la descrizione fatta agli agenti del venditore del fuoco d’artificio, gli uomini della Polizia sono risaliti al Pellegrini, già noto alle forze dell’ordine in quanto colpito da provvedimenti interdittivi conme il ritiro del porto d’armi ed il ritiro della licenza di “fuochino” ovvero di preparatore di fuochi d’artificio. Una volta risaliti all’identità del venditore, gli agenti hanno effettuato una perquisizione domiciliare, ed in un casolare di proprietà del Pellegrini, dotato di porte blindate, hanno trovato una vera e propria Santa Barbara composta di più di 200 kg di materiale esplosivo e pirotecnico detenuto illegalmente oltre a 40 kg di polvere da cava e nove detonatori. Per l’uomo è stato dunque tratto in arresto per detenzione illegale di esplosivi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento