Il Job Act spiegato da Piero Ichino e Pietro Garibaldi

LUCCA - Giornata di studio all'auditorium San Romano sul tema della riforma del lavoro attuata dal governo. Organizzato dalla Fondazione Giuseppe Pera, il convegno moderato da Oronzo Mazzola, ha visto tra i relatori il senatore Piero Ichino e l'economista Pietro Garibaldi.

- 2

Nel Jobs Act c’è la svolta, è giunto il momento che il contratto a tempo indeterminato torni ad essere una normalità». Parole del senatore e giuslavorista Pietro Ichino che ha aperto i lavori del convegno “Gli effetti giuridici ed economici della riforma del lavoro”, organizzato dalla Fondazione Giuseppe Pera in San Romano. Una giornata di studio e di confronto sul Jobs Act, a diversi mesi di distanza dalla sua introduzione, guidati dagli interventi di apertura del senatore Ichino e dell’economista Pietro Garibaldi. Da una parte, quindi, un approccio teorico e politico sulla riforma del lavoro, spiegata da chi ha contribuito a realizzarla; dall’altra una valutazione più pratica, economica appunto, sulla reale attuazione e le dirette conseguenze della nuova normativa. «Obiettivo della riforma – ha continuato Ichino – è instaurare un nuovo regime che consenta al contratto a tempo indeterminato di tornare ad essere quello che era ormai mezzo secolo fa: la normalità. Abbiamo bisogno che torni ad essere la forma normale di assunzione, anche per far sì che i datori di lavoro tornino ad investire nella formazione dei collaboratori». Il contratto a tutele crescenti ha rappresentato infatti la centralità dell’intervento di Ichino: aspetto che il senatore aveva già previsto in una proposta di legge del 2009 e che costituisce uno dei cambiamenti più importanti e discussi contenuti nel nuovo ordinamento del lavoro. L’economista Pietro Garibaldi, invece, è entrato nel merito delle ragioni economiche e dei primi effetti della nuova disciplina dei licenziamenti.

Commenti

2

  1. Giovanni carassale


    Più che a tutele crescenti,direi ad indennizzi crescenti.Vidto che il lavoratore può essere mandato a casa sempre e comunque dalla parte padronale.Di fatto il contratto a tempo indeterminato (quello a cui fa riferimento Ichino)non esiste più,basta raccontare bugie…


    • Concordo totalmente, e’ora che la gente si svegli per non essere piu’presa in giro da questi carnefici nei confronti dei lavoratori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.