Presentata la giunta Del Ghingaro

VIAREGGIO - Nella cornice di Villa Borbone il neo sindaco Giorgio del Ghingaro ha presentato i 6 assessori che lo affiancheranno al governo della città. Nomi noti e qualche novità per la giunta che inizierà i lavori già da venerdì mattina.

- 1

Eccola la squadra di governo che affiancherà il neo sindaco di Viareggio Giorgio del Ghingaro alla guida del Comune.  E’ stata Villa Borbone a tenere a fare da cornice alla conferenza di presentazione dei 6 assessori della giunta, una scelta, come ha spiegato il sindaco, che caratterizzerà i lavori della giunta, che di volta in volta si riunirà in luoghi diversi del territorio comunale per dare più visibilità possibile a zone distanti dal comune capoluogo. Nomi che hanno suscitato non poche sorprese, specialmente per il ruolo ricoperto da alcuni di loro nella passata amministrazione. A Sandra Mei, già consigliera comunale nella giunta Betti eletta nelle file del PD e responsabile insieme a Zappelli della mozione di sfiducia che portò il comune al commissariamento, andrà la delega al welfare. Rossella Martina, anche lei ex consigliera comunale di opposizione e prima sostenitrice della candidatura di Del Ghingaro, si occuperà di cultura e altre attività racchiuse nella denominazione “creatività”. La delega più delicata, quella al bilancio, sarà affidata a Laura Servetti, già assessore nella passata amministrazione, la cui delega venne poi ritirata dallo stesso Betti in occasione del primo rimpasto si giunta. Altro volto noto quello dell’assessore alla libertà urbana, affidata all’ex questore Maurizio Manzo. Due i nomi nuovi per la città viareggina: Valter Alberici, da sempre nello staff di Del Ghingaro anche durante i mandati capannoresi, a cui è stato affidato il coordinamento delle politiche per lo sviluppo economico e Alessandro Pesci, ex sindaco di Fiesole ed ex segretario generale dell’ANCI Toscana a cui andrà la rigenerazione urbana del territorio, che comprende tra l’altro i lavori pubblici e le politiche ambientali.

Commenti

1

  1. roberto della santina


    Si cambiano le mutande……. ma il lato B è sempre lo stesso!

Lascia un commento