Summer, Tambellini: “Non posso trattenere per forza D’Alessandro”

LUCCA - Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini interviene sull'ipotesi di trasloco del Summer Festival verso Lido di Camaiore. "Ho sempre sottolineato l'importanza di questa manifestazione per la città di Lucca, ma non potrei fermare un imprenditore che decide di delocalizzare".

- 1

 

Sono entrati nel vivo i lavori di allestimento delle strutture di supporto al Lucca Summer Festival: backstage e accoglienza ospiti in Cortile degli Svizzeri. Tra poco comincerà anche il montaggio del palco in piazza Napoleone in vista del primo concerto, il 1 luglio, Francesco De Gregori e Bob Dylan. Ma in questo ore a tenere banco è la diatriba nata, meglio rinata, tra Mimmo D’Alessandro e il Comune di Lucca. “Se lascio il capoluogo porto tutto a Lido di Camaiore, all’ex Bussoladomani” aveva svelato venerdì scorso ai microfoni di NoiTv il patron del Summer. Da lì apriti cielo. Il sindaco di Camaiore Del Dotto ha confermato che c’è già stato un sopralluogo e che la Versilia sarebbe felicissima di ospitare la manifestazione.

E il sindaco Tambellini? “Credo che queste intenzioni non maturino in pochi giorni – ha detto ai nostri microfoni -, vuol dire che è un obiettivo che l’organizzazione perseguiva da tempo. Gli organizzatori hanno lavorato in questa città per 18 anni, credo anche molto favoriti. Adesso se vogliono andare non possiamo trattenerli per forza. Abbiamo sempre sottolineato quanto Lucca tenga al Summer, forse per gli organizzatori Camaiore vale più di Lucca”.

Commenti

1


  1. Vedendo la conferenza sampa di D’Alessandro, con a fianco il Tambe, in sala degli specchi l’imprenditore mi è parso veramente esagerato nel valutare la SUA promozione della città. Mi pare che la valutazione COSTI-BENEFICI che presenta sia sbilanciata a suo favore, non tiene conto della qualità dell’ambiente che va a riempire di materiali, gente e suoni(?).
    Per meglio valutare si potrebbe chiedere a Pistoia quali sono i COSTI – BENEFICI per le serate di jaz?
    In effetti il target delle serate lucchesi è vario con sbilanciamento forse su gente insensibile al bello che tranquillamente si troverebbe benissimo a Bussola Domani; se così stessero le cose e continuassero le esose richieste di D’Alessandro, che piange per puppare di più, varrebbe la pena di ripensare a manifestazioni artistico-musicali … d’altro genere. Alcuni lucchesi mi paiono a cottura per esprimere idee.

Lascia un commento