Monte S. Quirico, profugo annega nel Serchio mentre fa il bagno

LUCCA - Un profugo della Costa D'Avorio è morto annegato mentre faceva il bagno nel fiume Serchio a Monte San Quirico insieme al fratello e ad altri connazionali.

-

E’ finito nelle acque del Serchio sotto il ponte di Monte San Quirico il sogno di Amerd, un profugo di 28 anni proveniente dalla Costa D’Avorio e ospitato nel campo della Croce rossa di via delle Tagliate. L’uomo era giunto in Italia attraversando il Mediterraneo su un barcone, e da qualche mese si trovava insieme ad altri connazionali nella nostra città. Intorno alle 15:00, insieme ad un amico, si era recato sul Serchio in cerca di refrigerio e si era gettato in acqua ma, forse ingannato da una delle tante buche presenti sul fondale, ad un certo punto è stato visto da alcuni ragazzi annaspare e chiedere aiuto e alla fine immergersi senza risalire.

Immediato l’intervento della polizia e dei vigili del fuoco che hanno calato in acqua un gommone ed individuato il corpo dell’uomo adagiato sul fondo. In quel punto però la profondità e la corrente non hanno permesso alla squadra di poter effettuare il recupero, e si è dovuto attendere l’intervento dei sommozzatori di Pisa che si sono immersi ed hanno portato a riva il corpo ormai esanime del giovane. Disperazione tra gli altri profughi che nel frattempo avevano raggiunto gli argini del fiume. Tra loro anche il fratello della vittima e il giovane che era insieme a lui che è stato accompagnato dagli uomini della polizia. All’inizio del mese si era consumata un’altra tragedia nel Serchio, dove all’altezza della passerella di S.Alessio era annegato un giovane cingalese.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.