Sondaggio sull’accoglienza profughi, vince il sì allo stop

LUCCA - E' del 71,9% la percentuale dei cittadini che dice stop all'accoglienza dei profughi sul territorio della provincia di Lucca. Nei giorni scorsi Noitv aveva lanciato un sondaggio sul proprio sito.

- 1

marina-militare-migranti

Alla domanda hanno risposto 114 persone. La maggioranza del sì allo stop è stata schiacciante: 71,9% contro il 28% dei no. Chiaramente i sondaggi online di NoiTv non hanno valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi come unico scopo il permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

In queste ore la nostra redazione ha lanciato un nuovo sondaggio dedicato al Lucca Summer Festival. Abbiamo scelto quattro tra i concerti più affollati (Bob Dylan, Elton John, Robbie Williams e Lenny Kravitz) chiedendo qual è stato il preferito.

 

Commenti

1

  1. Marco D’Alessandro


    Ma avete chiesto cosa sono i “profughi”, o avete dato per scontato che la maggioranza dei rispondenti lo sapesse ? Analoghe indagini danno tutte la stessa risposte perché ormai nel migliore dei casi la parola “profugo” è sinonimo di invasore, mangiapane a ufo, rubalavoro, criminale in vacanza… Cosa rispondereste alla domanda retorica “accettereste di aprire le porte di casa ad un criminale ?” Quello che uno strumento d’informazione dovrebbe chiedersi è semmai se la parola profugo non rischi di diventare assimilabile alla parola “ebreo” nella Germania nazista, e il fatto che la stragrande maggioranza fosse favorevole alla soluzione finale significa forse che avesse ragione, o non piuttosto che fosse condizionata da una propaganda pervasiva.
    Occorre svolgere un lavoro culturale che purtroppo non è mai stato fatto né in Italia né in Europa.
    Ma come mai secondo voi in Italia adesso ci sono solo profughi? Non si tratta di una moda, ma dell’unica possibilità prevista dal nostro paese perché un migrante possa entrare senza essere “clandestino”, che è stata la parola incubo per designare gli immigrati fino al 2011.

Lascia un commento