Trail delle Apuane da leggenda e da…record

ATLETICA - Successo straordinario della 2a edizione del Trail delle Apuane con partenza e arrivo a Gorfigliano. Tre i percorsi davvero splendidi allestiti dall'organizzazione di 13, 23 e addirittura 45 chilometri.

- 1

 

La giornata è splendida ma la fatica tanta quella che attende i 300 coraggiosi che hanno deciso di affrontare con piglio la 2a edizione del Trail delle Apuane di Gorfigliano. Gara di trail running in un magnifico ambiente naturale che si sviluppa sui sentieri delle montagne che fanno da cornice a questo suggestivo spicchio dell’Alta Garfagnana. Iscrizioni che sono andate al di là delle più rosee aspettative tanto che gli organizzatori hanno dovuto elevare da 250 a 300 il numero dei pettorali. Partenza alle 8,30 dalla piazza centrale del paese. Proprio in considerazione della durezza della prova gli atleti avevano l’obbligo di portare con sè una riserva di acqua di almeno 1 litro, giacca antivento, fischietto e coperta di sopravvivenza dato che fino a prova contraria si saliva fino ai quasi 1900 metri del monte Tambura. Campocatino, la via Vandelli, Focolaccia, Rifugio Donegani, Mandria, Pianellaccio e Solchetto gli altri splendidi punti di riferimento per i runners dei 45 chilometri: distanza che mette i brividi solo a nominarla. Ebbene, dopo 6h. 28’34” è stato il giovane Fabrizio Ridolfi, 25 anni, del GS Orecchiella a tagliare per primo il traguardo posto in località Segheria, sempre a Gorfigliano. Al secondo posto Angelo Simone (Avis Stiava) e al terzo Ugo Mozzachiodi. Nel settore femminile si è imposta Sabrina Paci (Golfo dei Poeti) che ha impiegato 8h.28’59”. Seconda Sabrina Malatesti e terza Elena Balzarini. Nel trail medio la vittoria è arrisa a Cristian Armorfini (Golfo dei Poeti). Infine del trail corto, solo 13 chilometri si fa per dire, successo di Giacomo Buonomini dell’Orecchiella davanti al compagno di squadra Guerrucci e a Lorenzo Checcacci del GP Alpi Apuane. Tra le donne prmo posto di Mara Figliola (Arci Favaro). Al termine le premiazioni con la consegna ai vincitori della gara più impegnativa sui 45 chilometri di due statue stele, sculture in marmo estratto dalle cave locali. Ottima l’organizzazione e la logistica frutto della perfetta sinergia tra GS Orecchiella, Associazioni locali, Misericordia, Istituzioni, Soccorso Alpino, Cai, Uisp ma soprattutto di una magnifica squadra di qualificati volontari.

Commenti

1


  1. vorrei sapere come mai non e’ stato messo il nome al fenmminile della vincitrice del medio… grazie

Lascia un commento