Lido di Camaiore, in un video uno dei presunti rapinatori fuggiti

CAMAIORE - C'è un'immagine che ritrae uno dei presunti complici di Angelo Riviera, il 46enne torinese di etnia sinti, arrestato dopo l'inseguimento con spari a Lido di Camaiore.

- 1

Si tratta di un giovane, ripreso per un attimo da un bagnino che aveva iniziato a filmare con il telefonino alcune immagini sulla spiaggia subito dopo aver sentito i colpi di pistola. E’ bianco, magro. Indossa pantaloncini corti, ha in mano una maglietta e un marsupio e sta correndo sulla battigia. Il bagnino, come riportato dal quotidiano ‘Il Tirreno’, in un primo momento non si era nemmeno reso conto di aver ripreso quella persona, inquadrata quasi per sbaglio per meno di un secondo. Ne n’è accorto solo rivedendo con calma il filmato ed ha avvertito la polizia. Gli inquirenti, sempre secondo quanto riportato dal “Tirreno”, sono quasi certi che si tratti di uno dei due malviventi sfuggiti alla cattura. E’ scappato in spiaggia, dov’era più facile confondersi tra i bagnanti. Pochi secondi prima che venga ripreso dal telefonino, la telecamera inquadra un poliziotto ed un carabinierie sulla spiaggia, a meno di cinquanta metri dalla battigia. Proprio in quel momento però uno di loro sta tornando verso la passeggiata, l’altro sta cercando indizi sulla spiaggia  e non possono accorgersi del fuggitivo.

Intanto, a Lucca, Angelo Riviera si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto. Rimarrà in carcere, ma solo con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. E’ decaduta infatti l’accusa di tentato omicidio. Non sono emersi riscontri sul fatto che i banditi abbiano sparato contro i poliziotti.

 

Commenti

1


  1. 😨 😨😨😨😨

Lascia un commento