Un concerto per la Pieve di Brancoli

LUCCA - Il prossimo 28 agosto, la Schola Cantorum Ave Maria di Viareggio, eseguirà lo "Stabat Mater via Crucis" all'interno della chiesa di San Giorgio a Pieve di Brancoli, un gioiello romanico visibile solo grazie all'impegno dell'associazione paesana, alla ricerca di fondi per la manutenzione della struttura.

-

La chiesa di San Giorgio, alla Pieve di Brancoli è uno dei gioielli romanici delle colline lucchesi, visitabile grazie all’impegno dei volontari dell’associazione paesana Simone Carli. Oltre alla bellezza della struttura architettonica, risalente all’undicesimo secolo, al suo interno sono presenti tre veri e propri capolavori. Primo tra tutti l’ambone, con due leoni a sostegno delle colonne e la raffigurazione di Matilde di Canossa, a cui si deve la realizzazione della chiesa. Poi il fonte battesimale, che papa Alessandro secondo fece consacrare e grazie al quale la chiesa divenne Pieve. Infine una maiolica di Andrea della Robbia, raffigurante il patrono del paese, San Giorgio, da cui la chiesa prende il nome. All’interno era presenta anche un altro pezzo pregiato, un acquasantiera raffigurante Bonifacio secondo, padre di Matilde di Canossa, ma venne trafugata il 24 giugno del 2000. Questi tesori sono visibili adesso solo grazie alla disponibilità del gruppo di volontari, i quali, oltre a provvedere alla manutenzione ordinaria della struttura, hanno in carico anche il pagamento delle utenze e che quindi cercano di incrementare le entrate delle donazioni dei visitari, con manifestazioni ed eventi. Uno di questi è stato organizzato dal professor Franco Anichini, storico e professore d’arte che ha coinvolto la corale della Schola Cantorum Ave Maria di Viareggio che si esibiranno venerdì 28 agosto prossimo in un concerto il cui ricavato andrà interamente alla manutenzione della Pieve. La Pieve è ancora consacrata, e vi viene celebrata la messa una volta al mese, ma per i restanti giorni rimane chiusa e visitabile solo chiamando il numero telefonico 328 5331903

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento