Turismo: estate “stabile” in provincia di Lucca

LUCCA - Sarà stato il bel tempo o forse una certa ritrovata fiducia nelle vacanze sul territorio italiano, fatto sta che l'andamento dei flussi turistici nei mesi di luglio, agosto e settembre in provincia di Lucca è stato buono. A dirlo sono i dati raccolti e diffusi dalla Provincia che promuovono la Versilia e la collina a discapito del capoluogo e delle sue bellezze artistiche.

-

 

A trainare il territorio è stata Versilia, che da sola assorbe quasi 2/3 degli arrivi totali e oltre il 75% delle presenze provinciali. +2,3% negli arrivi (cioè il numero assoluto di turisti) e lieve crescita anche delle presenze (cioè il periodo di permanenza sul territorio)(+0,2%). Male la Piana di Lucca: -1,8% degli arrivi e calo del 2,6% delle presenze. In Valle del Serchio diminuiscono gli arrivi (-2,6), a fronte di un incremento delle presenze (+1,3%).

In linea generale tende a stabilizzarsi il numero di giorni di permanenza sul territorio provinciale, attestandosi sulla media di 4,6 giorni. Si assiste quindi a un’interruzione del fenomeno, in atto da tempo, della contrazione del numero medio di giorni di permanenza.

La Germania rimane il primo Paese di riferimento per arrivi e presenze e sembra tornare ad apprezzare il nostro territorio (+2,5% di arrivi e +4,3% di presenze). Preoccupa invece il crollo del mercato dalla Russia: -31,3% gli arrivi e -34,3% le presenze. Il dato confortante allora arriva proprio dal turismo degli italiani: in crescita in Versilia e Valle del Serchio, a compensare la diminuzione dei turisti stranieri.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento