Lucca, la carica dei mille alla Flying Run

LUCCA - E' stata davvero un successo la prima edizione della Flying Run, la corsa promossa dall'associazione Seventies Running Team Lucca in ricordo di Amelia Coli, commercialista, ex assessore comunale ma soprattutto appassionata maratoneta che correva proprio con la squadra dei Seventies.

-

Quelle che vedete sono le immagini della partenza da piazza San Michele della prova non competitiva, lungo un percorso di cinque chilometri, interamente disegnato all’interno delle mura urbane. In precedenza però era partita la prova agonostica, con ben quattrocento iscritti che si sono sfidati su un tracciato di dieci chilometri, sempre all’interno del centro storico. Al loro inseguimento, dieci minuti dopo, si era lanciata la pattuglia dei cosiddetti “rincorridori”, cioè podisti professionisti che avevano l’obiettivo di raggiungere e superare i concorrenti. La Flyng Run aveva alla base uno scopo benefico. Tutto il ricavato delle iscrizioni e degli sponsor è stato devoluto a favore della Dynamo Camp, associazione, che organizza campi estivi per bambini affetti da gravi patologie. Il primo bilancio degli organizzatori è stato largamente positivo.

La vittoria nella prova competitiva è andata ad Andrea Giovannelli della Virtus Cassa di Risparmio Lucca, che ha tagliato il traguardo in 32 minuti e 27 secondi. Alle sue spalle l’accoppiata del Gruppo Podistico Parco Alpi Apuane; Gianluca Salvioni, secondo e Lorenzo Checcacci, terzo. Tra le donne la vittoria è invece andata a Martina Celi, sempre del Parco Alpi Apuane.

Ma al di là dell’aspetto agonisticio per tantissime persone è stata soprattutto una bella mattinata passata in compagniaall’aperto, a passeggio per i luoghi di una città che merita di essere continuamente riscoperta. Il servizio ristoro della manifestazione è stato curato dall’Atletica Porcari, che sta preparando la Porcari Corre, in programma il prossimo maggio.

E tutto lascia presagire che tra un anno ci sarà anche la seconda edizione della Flying Run.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento