Lucca, fine anno all’insegna della nebbia e dello smog

LUCCA - Anche a Lucca questi giorni di festa sono trascorsi all'insegna di condizioni ambientali inconsuete. In particolare temperature al di sopra della media stagionali e foschia e nebbia insistenti, soprattutto nelle prime ore della mattina e in serata.

-

 

Ma c’è un altro fenomeno che ci sta accompagnando verso la fine dell’anno. Quello dello smog, che anche da noi sta  assumendo una quotidianità mai vista negli anni scorsi. A partire dalla fine di novembre la centralina Arpat di Capannori ha registrato ogni giorno sforamenti nei valori limite delle polveri sottili. Quest’anno è già stato superato abbondantemente il limite annuale dei 35 giorni con valori negativi ed anzi entro la fine dell’anno è possibile che arriveremo a quota 60 giorni.

Sull’inquinamento atmosferico pesano in maniera decisiva le condizioni meteo di queste ultime settimane, ovvero assenza di pioggia e vento, alta pressione a anche la nebbia, tutti fattori che impediscono alle polveri sottili di disperdersi nell’aria.

Le previsioni indicano che queste condizioni continueranno almeno fino a dopo Capodanno. A Befana dovrebbe arrivare l’inverno vero. con pioggia e neve.

Intanto, proprio due settimane fa i comuni della Piana di Lucca avevano presentato il primo piano coordinato per diminuire gli spostamenti in auto sul territorio, gli abbruciamenti dei residui delle potature e per incentivare l’adeguamento dei caminetti in modo da renderli meno inquinanti. Se ci saranno risultati, si vedranno solo nel lungo periodo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.