La pioggia non basta; smog ancora oltre i limiti

LUCCA - La pioggia non è riuscita a spazzar via l'emergenza smog in lucchesìa. Dai dati Arpat relativi 2 gennaio spunta la sorpresa sulla media dei valori delle polveri sottili, che in diversi casi, nonostante le precipitazioni a tratti anche intense, sono rimasti al di sopra dei limiti di legge.

- 1

Il dato più sorprendente riguarda la centralina posizionata a Fornoli, nel comune di Bagni di Lucca, dove il 2 gennaio la media giornaliera di pm 10 è stata di 75 microgrammi (ricordiamo che il limite è di 50 microgrammi).

Limite superato anche alla centralina di Capannori che pur con valori in discesa rispetto ai giorni precedenti, ha fatto segnare una concentrazione media di 53 microgrammi. Sono ormai due mesi consecutivi che questa centralina registra una qualità dell’aria al di sotto degli standard minimi di legge.

Sotto il limite di guardia invece i valori delle due centraline di Lucca, quelle di San Concordio e di San Micheletto, che hanno registrato rispettivamente valori di 32 e 35 microgrammi.

Ci saranno nuove limitazioni del traffico? Appare improbabile, visto che con il nuvo anno il conteggio dei giorni di sforamento consentito per legge è ripartito da zero e che i sindaci non sono obbligati ad assumere iniziative in tal senso.

Commenti

1


  1. Ma mi chiedo è colpa solamente delle auto ??? Potrebbe essere una concausa i nuovi sistemi di riscaldamento , ci sono apparecchi che costano 5 – 6 mila euro e quelli economici da poco più di mille , come il famoso combustibile, ne esiste di tutti i prezzi ,,,, Poi anche i carburanti che si trovano in commercio sono tutti uguali ????? oppure ci sono compagnie che per far concorrenza vendono carburanti di cattiva qualità .,…

Lascia un commento