Una bella Lucchese spaventa la capolista Spal

CALCIO - Finisce 1-1 al Porta Elisa tra i rossoneri e la forte compagine emiliana. Ospiti in vantaggio con Finotto nel primo tempo. La Lucchese si scuote nella ripresa e pareggia con il brasiliano Sartore appena entrato in campo. La squadra di Lopez riscatta la sconfitta di Carrara e conferma di potersela davvero giocare con tutti.

-

17_1_16_ Lucchese

Temperatura pungente sul Porta Elisa ma tanta voglia di infiammare e rendere calda la serata. Lucchese-Spal è ormai una classica senza tempo. Lopez conferma l’undici annunciato con Botta al posto di Sartore. Di fronte la capolista incontrastata del torneo che molti reputano destinata a dominare il campionato, Pisa permettendo. Nota dolente la poca gente sugli spalti. Parte meglio la Spal che i tifosi della Curva Ovest accolgono con uno striscione ironico. Ed in effetti al 12esimo i biancocelesti di Leo Semplici sono già in vantaggio. Errore in disimpegno della difesa rossonera, ne approfitta Finotto che “uccella” Di Masi in diagonale. Gelato il Porta Elisa e gara tutta in salita. Gol regalato e Lucchese che accusa il colpo con la Spal a menare la danza da prima della classe. Solo nel finale del tempo la Lucchese riesce a spingere e si rende pericolosa con una botta di Terrani ma rischia ancora di capitolare per uno spunto del solito Finotto, servito da Zigoni. Azione forse viziata da un fallo di mano. La ripresa è avvincente. Lopez scuote la squadra che aggredisce la Spal che però sa ripartire da vera capolista: due volte Lazzari pericoloso, favorito anche dalle solite amnesie difensive. Ma al 10′ Terrani si divora la rete del pareggio mettendo fuori in modo incredibile col pallone che danza lungo tutta la linea di porta. Si rivede anche Pozzebon che entra al posto di Nolè per una Lucchese a trazione anteriore. Ora il canovaccio tattico è ben delineato: Lucchese che attacca e Spal che riparte in contropiede. Trascorrono inesorabili i minuti e il pari sembra quasi un’utopia. Ma al 38esimo Sartore, entrato in campo da pochi secondi, da centro area trova il modo di battere Contini segnando il punto del pareggio. Prima rete del brasiliano in maglia rossonera e Porta Elisa che esplode in un fragoroso boato. Poco dopo Lucchese che potrebbe addirittura capovolgere la situazione ancora con Sartore lanciato in contropiede che sfiora il clamoroso bis. In realtà all’incedere del 90° è ancora la Spal a rendersi minacciosa ma Finotto è troppo sprecone per essere vero. Quattro minuti di recupero non mutano la fisionomia di una partita che si chiude con un pareggio sostanzialmente giusto. La Spal si conferma squadra fortissima e destinata a lottare per la serie B mentre la Lucchese, questa Lucchese, può davvero giocarsela con tutti e pare in grado di poter guadagnare altre posizioni utili in classifica.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento