Lucca, accertamenti sul comandante della Polizia Municipale

LUCCA - C'è il comandante della Polizia Municipale di Lucca, Stefano Carmignani, 52 anni, al centro degli accertamenti avviati dalla Procura che hanno portato lunedì al blitz per l'acquisizione di documenti negli uffici del Comando di piazzale San Donato.

-

Lo dice il Comune di Lucca che in una nota spiega di aver messo a disposizione della Procura tutta una serie di documenti che riguardano in particolare Carmignani.

Tra questi documenti ci sono la timbratura dei cartellini di presenza in servizio del Comandante e la registrazione dei passaggi nella Ztl di alcune autovetture, il che conferma che nel mirino degli inquirenti ci sono presunti accessi abusivi di auto non autorizzate nella zona a traffico limitato del centro storico.

Ma evidentemente c’è anche qualcos’altro. Perchè la Procura ha chiesto anche la documentazione relativa a missioni fuori sede del comandante e relativi rimborsi; i provvedimenti assunti dal Comandante per la revisione degli stipendi di alcuni agenti in servizio al Comando di Lucca; e tutta la corrispondenza tenuta dal Comandante nel corso degli ultimi due anni e mezzo circa di servizio.

Infine, la Procura ha acquisito anche i titoli di accesso al concorso indetto dal Comune di Lucca nel 2014 per ricoprire a tempo determinato il ruolo di Comandante della Municipale, concorso vinto poi da Carmignani.

Non solo. L’amministrazione comunale ha annunciato di aver già aperto una verifica interna con la finalità di accertare eventuali profili di responsabilità, pure in assenza allo stato attuale di qualsiasi tipo di addebito nei confronti del Comandante.

Abbiamo contattato il comandante ma Carmignani ha spiegato che al momento preferisce non rilasciare dichiarazioni . Ha però aggiunto che sta seguendo attentamente la vicenda e che parlerà eventualmente più avanti.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento